MANAGER HSE: DALLA NORMA UNI 11720 I REQUISITI DEL PROFESSIONISTA DELLA GESTIONE SICUREZZA E AMBIENTE IN AZIENDA

Ti potrebbe interessare...

Il 19/07/2018 è stata pubblicata la norma UNI 11720, dal titolo “Attività professionali non regolamentate - Manager HSE (Health, Safety, Environment) - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”. Questa norma stabilisce i requisiti che deve possedere il Manager HSE, cioè una figura professionale che raccoglie in sé competenze manageriali in materia di Salute e Sicurezza del Lavoro e Ambiente.

Vediamo di seguito un approfondimento sui contenuti della norma UNI 11720, sui requisiti che deve possedere la figura del Manager HSE, sulla possibilità di certificare le competenze e su come questa figura interagisca o, meglio, inerisca con il RSPP.

SCOPO DELLA NORMA 11720: LA DEFINIZIONE DELLE CONOSCENZE, ABILITA’ E COMPENTENZE DEL MANAGER HSE

La norma UNI 11720 ha l’obiettivo di definire i requisiti relativi all’attività professionale del Manager HSE (e non “HSE Manager” come ormai d’uso scrivere, post-ponendo il rilevante termine “Manager” al contesto HSE), ossia di un professionista in possesso di conoscenze, abilità e competenze che garantiscono la gestione complessiva ed integrata dei processi e sotto processi in ambito HSE (Health Safety Environment), ossia, nella lingua dei nostri padri, Salute, Sicurezza e Ambiente.

PERCHÉ UN MANAGER CHE INTEGRA COMPETENZE SIA IN AMBITO SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO, SIA NELLA TUTELA DELL’AMBIENTE?

Risponde a questa domanda la stessa norma UNI 11720, nel punto 0.1 (Contesto), partendo dall’osservare che il quadro legislativo europeo sui temi della sicurezza e salute del lavoro e della tutela ambientale è costituito da un’articolazione legislativa tra le più complesse e rigorose al mondo. Questo sviluppo normativo è finalizzato a rendere l’economia e la produzione compatibile sia con la tutela dell’ambiente e delle risorse naturali, sia verso l’integrità psico-fisica dei lavoratori.

L’inserimento nell’organico aziendale di figure professionali in grado di garantire il pieno rispetto dei requisiti in ambito HSE e di costituire un elemento di sviluppo delle organizzazioni verso il continuo miglioramento delle proprie performance nelle aree di prevenzione e tutela della salute e sicurezza del lavoro e di protezione dell’ambiente è, oggi sempre di più, una necessità.

Il Manager HSE intercetta questa domanda, raccogliendo in una unica figura due temi che da sempre appaiono interconnessi ed interdipendenti.

HSE MANAGER OPERATIVO O STRATEGICO?

La Norma UNI 11720 ha individuato i requisiti di conoscenza, abilità e competenza dell’HSE Manager, delineandone due profili:

  • Manager HSE Operativo
  • Manager HSE Strategico

Quindi, secondo la norma UNI 11720, il Manager HSE può avere compiti di carattere strategico o di natura operativa. La stessa norma previsa che la distribuzione di compiti strategici e operativi varia secondo le specificità di ogni organizzazione.

Più nello specifico:

  • il Manager HSE Operativo supporta l’organizzazione nella gestione operativa e nell’attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi per i lavoratori, per l’ambiente e per il patrimonio aziendale, coerentemente con la legislazione vigente. Il Manager HSE Operativo gestisce in autonomia gli aspetti operativi, sulla base di linee strategiche definite ad un livello gerarchico superiore.
  • il Manager HSE Strategico supporta l’organizzazione nella definizione della strategia aziendale e imprenditoriale, analizzando anticipatamente i rischi per i lavoratori e per l’ambiente derivanti da scelte decisionali alternative. Il Manager HSE Strategico è una figura che si colloca nell’alta direzione.

QUALI REQUISITI DI CONOSCENZA, COMPETENZA ED ABILITÀ DEVE POSSEDERE IL HSE MANAGER?

Il Manager HSE deve possedere una conoscenza gestionale negli ambiti HSE riferita ad aspetti legali, normativi, tecnici, gestionali e relazionali, in particolare, per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, il Manager HSE deve possedere caratteristiche psicoattitudinali riferite a leadership e managerialità. Infine, dovrà essere in grado di promuovere la crescita professionale propria e dei suoi collaboratori.

La qualifica professionale di Manager HSE Strategico o di Manager HSE Operativo si raggiunge con un percorso professionale e formativo differenziato, che la norma individua anche in funzione del titolo di studio posseduto.

QUALE TITOLO DI STUDIO È NECESSARIO POSSEDERE PER POTER ACQUISIRE LA QUALIFICA DI MANAGER HSE?

La norma UNI 11720 prevede come titolo di studio minimo il diploma di scuola secondaria di primo grado (la cosiddetta “scuola media”). La stessa norma fa variare i requisiti richiesti in termini di “esperienza lavorativa” per qualificarsi come Manager HSE, rendendoli meno stringenti man mano che sale il titolo di studio posseduto.

QUALE FORMAZIONE DEVE EFFETTUARE IL MANAGER HSE?

Il Manager HSE dovrà dimostrare di possedere una formazione con attestazione finale, organizzata ed erogata da enti di formazione specificatamente elencati nella stessa norma UNI 11720, per una durata minima di 400 ore distribuite in cinque aree tematiche individuate nella norma stessa e di seguito elencate:

  • organizzativo-gestionale
  • giuridico-amministrativa
  • tecnica in materia di sicurezza sul lavoro
  • tecnica in materia di salute occupazionale
  • tecnica in materia ambientale

QUALE AGGIORNAMENTO FORMATIVO DEVE SVOLGERE IL MANAGER HSE?

Il Manager HSE deve mantenere nel tempo i livelli di conoscenza acquisiti, per mezzo di un aggiornamento continuo. L’aggiornamento professionale del Manager HSE non deve essere inferiore a 72 ore di formazione ogni triennio, in materie pertinenti al ruolo, compiti e competenze del proprio profilo. Almeno il 50% della formazione di aggiornamento svolta deve prevedere una verifica di apprendimento finale.

QUALI ENTI DI FORMAZIONE POSSONO EROGARE LA FORMAZIONE PER MANAGER HSE?

La norma UNI 11720 cita testualmente che i corsi di formazione (di base e di aggiornamento) sono “organizzati da enti formatori riconosciuti ai sensi della legislazione vigente”, rinviando alla lista dei riferimenti legislativi presenti nel punto F.2 della norma stessa.

Per brevità e facendo riferimento ai casi più ricorrenti, sono inclusi gli enti di formazione accreditati dalle Regioni, ai sensi dell’Accordo Stato Regioni del 20/3/2008, così come, nell’ambito della Salute e Sicurezza del Lavoro, tutti gli enti di formazione riconosciuti dagli artt. 32 (RSPP), 34 (DL SPP), 73 (Attrezzature di Lavoro), 98 (CSP / CSE), Allegato XXI (Addetti al posizionamento e lavoro su fune) del D. Lgs. 81/08 e, quindi, dai vari e corrispondenti Accordi Stato Regioni emanati, ossia:

Sintetizzando, nell’ambito della Salute e Sicurezza del Lavoro, la formazione valida per RSPP, DL SPP, CSP/CSE è riconosciuta valida anche per Manager HSE. Per quanto riguarda l’ambito ambientale, la formazione erogata da enti di formazione Accreditati dalle Regioni è riconosciuta valida per Manager HSE.

HSE MANAGER E RSPP: QUALI DIFFERENZE E QUALI SOVRAPPOSIZIONI?

La figura del HSE Manager inevitabilmente riconduce a quella del RSPP. Al di là del caso particolare in cui i due ruoli siano assunti dal medesimo soggetto, è evidente che i compiti attribuiti dalla norma UNI 11720 al primo e quelli statuiti dal D. Lgs. 81/08 per il secondo, in parte si sovrappongono.

In tal senso, la lettura dei prospetti 1, 2 e 3 della norma UNI 11720, nei quali sono riportati i compiti propri del HSE Manager, evidenzia chiaramente questa sovrapposizione di compiti.

Vi sono pertanto differenze nei ruoli: si pensi innanzitutto al tema ambientale, per il quale il Manager HSE deve possedere competenze e conoscenze non previste, per contro, per il RSPP, ma per ragioni di economia ed efficienza organizzativa, la conclusione più naturale è l’assegnare al soggetto che riveste il ruolo di Manager HSE anche la funzione di RSPP, senza però escludere, in realtà complesse e con ampia struttura, che il RSPP sia inserito nello staff del Manager HSE.

COSA SIGNIFICA ATTIVITA’ PROFESSIONALE NON REGOLAMENTATA?

La norma UNI 11720 si riferisce ad un’attività professionale non regolamentata, inserendosi così nel filone delle norme che delineano il profilo delle competenze, conoscenze ed abilità di cui devono essere in possesso le professioni prive di una chiara riconoscibilità definita nel contesto legislativo.

L’importanza di questa attività normativa è peraltro riconosciuta dal legislatore per mezzo della legge 4/2013 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate”.

COSA SIGNIFICA CERTIFICARE LE COMPETENZE DI MANAGER HSE?

La certificazione delle competenze è un’attestazione di una terza parte, autorevole e imparziale, che riconosce e si pone a garanzia della professionalità del soggetto in possesso dei titoli e requisiti previsti dalla norma UNI 11720 per la figura del Manager HSE.

Con la Circolare Tecnica n. 5/2019 “Disposizioni in materia di certificazione e accreditamento per la conformità alla norma UNI 11720:2018, “Attività professionali non regolamentate – Manager HSE (Health, Safety, Environment) – Requisiti di conoscenza abilità e competenza”, ACCREDIA (Ente Italiano di Accreditamento) ha dato precise disposizioni agli Organismi di Certificazione (OdC) per la certificazione e accreditamento in conformità alla norma UNI 11720.

COME CERTIFICARE LE COMPETENZE DI MANAGER HSE?

Il Manager HSE che intende certificare le proprie competenze dovrà rivolgersi ad un Organismo di Certificazione (OdC) accreditato secondo il Regolamento Europeo 765/2008, richiedendo di essere ammesso all’esame di certificazione. Come visto nel punto precedente, lo schema di certificazione delle competenze è stato stabilito da Accredia con la Circolare Tecnica n. 5/2019.

Per essere ammesso alla sessione d’esame il candidato deve trasmettere all’OdC una domanda di certificazione completa di idonea documentazione, richiamata in una “autodichiarazione” redatta in conformità agli artt. 46 e 76 del D.P.R. 445/2000.

In fase di accettazione della domanda di certificazione, l’OdC, attraverso il personale incaricato per il riesame della stessa, valuta l’ammissibilità all’esame dei candidati. La verifica di completezza e di adeguatezza delle informazioni e della documentazione presentata dal candidato viene svolta considerando i seguenti pre-requisiti:

Formazione: a partire dall’analisi del CV e da altra documentazione integrata, deve essere verificata:

  • la formazione di base e specifica, di cui ai prospetti B.1 e/o B.2 e B.3 della norma UNI 11720, che il candidato ha svolto;
  • la formazione specifica dovrà sviluppare tutti contenuti indicati al prospetto C.1 della norma UNI 11720.

Esperienza lavorativa: a partire dalla descrizione delle esperienze professionali in ambito HSE e con incarichi manageriali, inserite nel CV ed integrate dalle necessarie evidenze comprovanti le attività svolte, verrà verificato che il richiedente abbia svolto i compiti e le relative attività di cui ai prospetti 1, 2 e/o 3 e che abbia maturato periodi di esperienza lavorativa indicati nei prospetti B.1 e/o B.2.

A seguito della valutazione positiva delle evidenze inviate, il candidato è ammesso alla fase successiva di esame.

La sessione d’esame comprende prove scritte e orali. In particolare, l’esame per la qualifica della competenza  di Manager HSE prevede:

  • Esame scritto a risposte chiuse
  • Esame scritto a risposte aperte
  • Esame orale, inteso come modalità per approfondire eventuali incertezze riscontrate nelle prove scritte e/o per approfondire il livello delle competenze acquisite dal candidato anche tramite le sue esperienze lavorative pregresse.

Per superare l’esame il candidato deve ottenere almeno un punteggio del 70% in ognuna delle singole prove. La valutazione verrà effettuata sulla base di una griglia definita dall’OdC.

Qualora il candidato non abbia concluso con esito positivo l’esame, le eventuali singole prove superate rimangono valide per 12 mesi.

Il mantenimento della certificazione delle competenze richiederà:

  1. una sorveglianza annuale, finalizzata a verificare lo svolgimento di almeno un incarico di Manager HSE, nonché l’effettuazione di un aggiornamento formativo in accordo con le previsioni della norma UNI 11720 e la gestione di eventuali reclami e/o contenziosi legali in corso relativi all’attività certificata.
  2. un rinnovo triennale, che verifica sostanzialmente i punti previsti per la sorveglianza, oltre al completamento del monte ore minimo (pari a 72 ore) di formazione di aggiornamento previsto dalla norma UNI 11720 per il triennio.

PER APPROFONDIRE

Per approfondire i compiti, i requisiti, le competenze di un HSE Manager, nonché il percorso di certificazione delle competenze previste dalla norma UNI 11720, tra formazione e verifiche presso enti Accreditati: CLICCA QUI!

Perchè iscriversi ai nostri corsi?

Area Riservata ai Clienti

Sicurezza Lavoro: Seminari Gratuiti

12 buoni motivi per scegliere i Corsi di Vega Formazione

Accedi ai Servizi Gratuiti riservati ai Clienti di Vega Formazione

Vuoi essere informato sui prossimi eventi gratuiti?

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679