Vuoi diventare Ambassador?     CLICCA QUI
IL BLOG DI VEGA: GUIDA SU AMBIENTE E SICUREZZA

Smaltimento rifiuti: come gestire la raccolta, il trasporto e il trattamento dei rifiuti in azienda

La normativa sulla gestione dei rifiuti aziendali è complessa ed articolata.

Inoltre molto spesso, soprattutto nelle piccole e medie imprese, può mancare la consapevolezza che una gestione dei rifiuti aziendali non conforme alla normativa vigente può condurre a pesanti sanzioni amministrative e penali.

Vediamo un approfondimento sul tema dello smaltimento dei rifiuti nelle aziende affrontando i seguenti argomenti:

COME VENGONO CLASSIFICATI I RIFIUTI?

Ai sensi dell’art. 184 del D. Lgs. 152/2006 (Testo Unico Ambientale) i rifiuti vengono classificati in due macrocategorie:

  • secondo l’origine in rifiuti urbani e rifiuti speciali
  • secondo le caratteristiche di pericolosità in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi

QUALI SONO I RIFIUTI URBANI?

I rifiuti urbani non sono solo quelli prodotti dalle utenze domestiche, rientrano in questa categoria anche i rifiuti prodotti dalle attività commerciali, produttive, industriali, etc. che però “sono simili per natura e composizione ai rifiuti domestici (…)”.

Il D. Lgs. 116/2020, infatti, ha individuato un elenco di rifiuti (Allegato L-quater) che possono essere prodotti da un elenco attività produttive (Allegato L-quinques) e che possono essere assimilati ai rifiuti urbani.

QUALI SONO I RIFIUTI SPECIALI?

La definizione di rifiuti speciali è contenuta all’interno del comma 3 del D. Lgs. 116/2020 e comprende tutti i rifiuti che provengono da:

  • attività agricole
  • attività di costruzione demolizione e scavo
  • attività industriali, artigianali, commerciali, di servizi
  • attività di recupero e smaltimento rifiuti
  • attività sanitarie
  • veicoli fuori uso.

COME IDENTIFICARE I RIFIUTI? IL FORMULARIO, IL REGISTRO DI CARICO/SCARICO E IL MUD

gestione-rifiuti-aziendali

Al fine di una corretta gestione dei rifiuti aziendali è fondamentale che il produttore del rifiuto proceda con la corretta attribuzione del codice CER (Codice Europeo dei Rifiuti) per l’identificazione del rifiuto come previsto dalla normativa per la gestione dei rifiuti aziendali.

Attraverso il codice CER, infatti, è possibile identificare l’origine del rifiuto e le sue caratteristiche di pericolo.

Quando il rifiuto speciale dovrà essere avviato a trasporto verso l’impianto di smaltimento sarà necessario compilare il Formulario di Identificazione del Rifiuto (FIR) che dovrà contenere:

  • dati del produttore e del detentore del rifiuto
  • origine, tipologia e quantità del rifiuto
  • impianto di destinazione
  • data e percorso dell'istradamento
  • nome ed indirizzo del destinatario.

Inoltre i soggetti produttori dei rifiuti (così come definiti dall’art. 189, comma 3 del D.Lgs. 152/06) hanno l’obbligo di:

  • tenere un registro cronologico di carico e scarico, in cui sono indicati per ogni tipologia di rifiuto la quantità prodotta, la natura e l'origine di tali rifiuti e la quantità dei prodotti e materiali ottenuti dalle operazioni di trattamento quali preparazione per riutilizzo, riciclaggio e altre operazioni di recupero nonché, laddove previsto, gli estremi del formulario di identificazione
  • compilare il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), ovvero la comunicazione che enti e imprese presentano ogni anno, indicando quanti e quali rifiuti hanno prodotto e/o gestito durante il corso dell'anno precedente.

COME GESTIRE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NELLE AZIENDE?

La normativa vigente per lo smaltimento dei rifiuti nelle aziende prevede che i rifiuti debbano essere raggruppati nel deposito temporaneo (o deposito temporaneo prima della raccolta) prima di essere avviati a trasporto e quindi a smaltimento.

Il deposito temporaneo deve essere effettuato nel luogo in cui vengono prodotti i rifiuti, ovvero nel luogo dove l’attività svolta ha determinato la produzione dei rifiuti.

Per la corretta gestione dei rifiuti aziendali il deposito temporaneo deve rispettare uno dei seguenti due criteri a scelta del produttore (i due criteri di gestione sono alternativi l’uno all’altro e non sinergici, ecco perché il produttore deve scegliere, e lasciare traccia di tale scelta, ossia a quale dei due criteri fare riferimento):

smaltimento-rifiuti-aziende
  • temporaneo - i rifiuti speciali devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito
  • volumetrico - i rifiuti devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento quando il quantitativo di rifiuti in deposito raggiunga complessivamente i 30 metri cubi dei quali al massimo 10 sono relativi ai rifiuti pericolosi

In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti pericolosi non superi i 30 metri cubi, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno.

CI SONO SANZIONI PER IL NON CONFORME SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI?

La normativa vigente prevede sanzioni amministrative pecuniarie e penali, anche pesanti, per:

  • attività di gestione dei rifiuti non autorizzata
  • violazione degli obblighi di comunicazione (MUD), di tenuta dei registri obbligatori (registro di carico e scarico) e dei formulari (FIR)

Per approfondire il tema, scopri il corso Responsabile Ambientale: CLICCA QUI!

IL RESPONSABILE TECNICO GESTIONE RIFIUTI (RTGR)

La figura del Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti (RTGR) è obbligatoria per tutte le aziende iscritte all’Albo Gestori Ambientali (è una delle condizioni necessarie per essere iscritti ex novo e successivamente per mantenere l’iscrizione). I requisiti per l’abilitazione allo svolgimento del ruolo di Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti sono normati dallo stesso Albo.

Le imprese e gli enti che, in base alla loro attività ed alle tipologie di rifiuti da gestite, devono essere iscritte all'Albo Gestori Ambientali, vengono così individuate dall'articolo 212 comma 5 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico Ambientale):

  • imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti;
  • imprese che effettuano attività di bonifica dei siti;
  • imprese che effettuano attività di bonifica dei beni contenenti amianto;
  • imprese che effettuano attività di commercio e intermediazione dei rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi.

Le aziende che non sono tenute ad iscriversi all’Albo Gestori Ambientali, chiaramente, non hanno questo obbligo, pur tuttavia la figura di un referente tecnico che si occupa della gestione dei rifiuti (gestione deposito temporaneo, tenuta di registri e formulari, MUD, ecc… a seconda della complessità dell’azienda) è necessaria in tal organizzazioni per garantire il rispetto dei corretti adempimenti per la gestione dei rifiuti. L’attuale legislazione non impone specifici requisiti di competenza o un esame di abilitazione per tale figura, al contrario di quanto previsto per il Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti.

Articoli correlati
HAI UN DUBBIO SU UN TERMINE
UTILIZZATO IN QUESTO ARTICOLO?

Trova la risposta nel nostro Glossario, la prima raccolta di tutti gli acronimi e termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.


CONTATTACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Compilando i seguenti campi sarete contattati o riceverete le informazioni richieste nel più breve tempo possibile

* Campi obbligatori

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679
I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679
Confermo di aver letto l'informativa sulla privacy ed esprimo il consenso per il trattamento dei dati personali per i processi automatizzati e la profilazione diretta a migliorare i servizi resi.


Ti potrebbe interessare...
Perchè iscriversi
ai nostri corsi?

12 buoni motivi per scegliere i Corsi in aula di Vega Formazione

10 buoni motivi per iscriversi ai Corsi online in elearning di Vega Formazione

FAQ: consulenza
post corso gratuita

Il percorso formativo di Vega Formazione non finisce in aula!

Per tutti i nostri corsisti è disponibile un servizio di consulenza online gratuito!

I nostri docenti ti aspettano per rispondere alle tue domande!

Glossario Salute e
Sicurezza Lavoro

Confuso dalla terminologia tecnica?
Ci pensiamo noi!


Scopri il significato di tutti gli acronimi e i suoi termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.

TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO

Il principale riferimento legislativo in Italia

Scarica il documento, scopri la banca dati dedicata e guarda le ultime news sempre aggiornate.