Vuoi diventare Ambassador?     CLICCA QUI
IL BLOG DI VEGA: GUIDA SU AMBIENTE E SICUREZZA

Alternanza Scuola Lavoro: cos’è e quali norme di Sicurezza vanno rispettate?

L’Alternanza Scuola Lavoro (oggi denominata “Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento” o “PCTO”) prevede specifici obblighi normativi al fine di garantire una corretta e sicura esperienza alle studentesse e agli studenti che devono alternare le ore di formazione teorica con le ore trascorse all’interno delle aziende.

Vediamo un approfondimento sul tema PCTO affrontando i seguenti argomenti:

COS’È E COME FUNZIONA L’ALTERNANZA SCUOLA LAVORO?

L’Alternanza Scuola Lavoro è una modalità didattica attraverso la quale le studentesse e gli studenti, entrando nel mondo del lavoro sia esso pubblico che privato, mettono in pratica le conoscenze acquisite a scuola nell’ambito di un progetto che unisce lo studio teorico alla formazione pratica in un’azienda.

L’Alternanza Scuola Lavoro, a norma della L.107/2015 è obbligatoria per tutte le studentesse e gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori.

PER QUALI SCUOLE È OBBLIGATORIA L’ALTERNANAZA SCUOLA LAVORO?

Secondo la normativa, l’Alternanza Scuola Lavoro è obbligatoria per gli studenti delle seguenti scuole:

  • Licei
  • Istituti tecnici
  • Istituti professionali.

QUANTE ORE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO LA NORMATIVA?

Al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti, i percorsi di Alternanza Scuola Lavoro sono attuati a partire dalle classi terze con le seguenti modalità:

  • almeno 400 ore per gli istituti tecnici e professionali
  • almeno 200 ore per i licei

QUALI SONO LE FASI DEL PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO?

Ecco le fasi del progetto Alternanza Scuola Lavoro per capire come funziona e quali azioni attuare:

  1. Lo studente, insieme al proprio professore di riferimento (tutor), sceglie l’azienda ove svolgere il progetto;
  2. il referente dell’azienda incontra lo studente, in modo da entrare in contatto con la realtà aziendale e discutere il progetto;
  3. Svolgimento del progetto;
  4. Valutazione finale da parte dell’azienda e della scuola con l’emissione di un “certificato” che conferma le competenze acquisite.

ESISTE UN ELENCO DELLE AZIENDE OSPITANTI STUDENTI IN ALTERNAZA SCUOLA LAVORO?

Si, si possono cercare le aziende che aderiscono al progetto, consultando il “Registro Nazionale per l’Alternanza Scuola Lavoro” sul portale delle Camere di Commercio d’Italia.

QUALI OBBLIGHI DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA PER LE STUDENTESSE E GLI STUDENTI IN ALTERNANZA SCUOLA LAVORO?

Il MIUR ha emanato il Decreto 3 novembre 2017, n. 195, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 297 del 21/12/2017, entrato in vigore il successivo 5 gennaio 2018, contiene un “Regolamento recante la Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in alternanza scuola-lavoro e le modalità di applicazione della normativa per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro agli studenti in regime di alternanza scuola-lavoro”.

LE STUDENTESSE E GLI STUDENTI IN ALTERNANZA SCUOLA LAVORO HANNO L’OBBLIGO DI ESSERE FORMATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA?

Il comma 1 dell’art. 5 del D.M. 195/2017 prevede che “gli studenti impegnati nei percorsi in regime di alternanza ricevono preventivamente dall’istituzione scolastica una formazione generale in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi dell’art. 37, co. 1, lett. a) del D. Lgs. 81/2008 e successive modificazioni, come disciplinata dall’accordo previsto dall’art. 37, co. 2, del medesimo decreto legislativo. Tale formazione è certificata e riconosciuta a tutti gli effetti ed è integrata con la formazione specifica che gli studenti ricevono all’ingresso nella struttura ospitante, fatta salva la possibilità di regolare, nella convenzione tra quest’ultima e l’istituzione scolastica, il soggetto a carico del quale gravano gli eventuali oneri conseguenti”.

A CHI COMPETE LA FORMAZIONE DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI IN ALTERNANZA SCUOLA LAVORO?

L’art. 5 co. 2 del D.M. 195/2017 dispone che “è di competenza dei dirigenti scolastici delle scuole secondarie di secondo grado l’organizzazione di corsi di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, rivolti agli studenti inseriti nei percorsi di alternanza e svolti secondo quanto disposto dal D.  Lgs. 81/2008 e successive modificazioni”.

La normativa definisce come, per la formazione in Alternanza Scuola Lavoro, possono esistere delle collaborazioni tra l’USR (ufficio regionale scolastico), scuola e azienda ospitante per l’erogazione della formazione che può essere svolta dall’INAIL e dagli organismi paritetici, in modalità e-learning o con forme più idonee di collaborazione, integrazione e compartecipazione finanziaria da determinarsi in sede di convenzione.

In ogni caso l’azienda ospitante verifica con l’istituto le ore di formazione già erogate allo studente e, se necessario, provvede ad integrare la formazione rispetto ai rischi specifici.

LA NORMATIVA PER LE STUDENTESSE E GLI STUDENTI IN ALTERNANZA SCUOLA LAVORO GARANTISCE LA SORVEGLIANZA SANITARIA?

Si, a norma dell’art. 5 co. 5 del D.M. 195/2017, agli studenti in regime di alternanza è garantita la sorveglianza sanitaria di cui all’art. 41 TUSS: “Nei casi in cui la sorveglianza sanitaria si renda necessaria, la stessa è a cura delle aziende sanitarie locali, fatta salva la possibilità di regolare, nella convenzione tra queste ultime e l’istituzione scolastica, il soggetto a carico del quale gravano gli eventuali oneri ad essa conseguenti”.

LE STUDENTESSE E GLI STUDENTI SONO ASSICURATI CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI?

Si, le studentesse e gli studenti impegnati nelle attività di Alternanza Scuola Lavoro, secondo normativa, sono assicurati presso l’INAIL contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e sono coperti da un’assicurazione per la responsabilità civile verso terzi, con relativi oneri a carico dell’istituzione scolastica.

Le coperture assicurative a favore delle studentesse e degli studenti devono riguardare anche attività che si svolgano al di fuori della sede operativa della struttura ospitante, purché rientranti nel progetto formativo.

ALLE STUDENTESSE ED AGLI STUDENTI IN ALTERNANZA SCUOLA LAVORO DEVONO ESSERE FORNITI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)?

Qualora la mansione assegnata alla studentessa o allo studente preveda dei rischi che richiedono l’utilizzo di DPI, l’azienda ospitante ha l’obbligo di fornire allo studente i dispositivi adeguati alla tutela della sua salute e sicurezza nonché fornire l’addestramento per il loro corretto uso.

PER APPROFONDIRE...

Scopri tutto quello che c'è da sapere sulla Sicurezza nelle Scuole: CLICCA QUI!

Articoli correlati
HAI UN DUBBIO SU UN TERMINE
UTILIZZATO IN QUESTO ARTICOLO?

Trova la risposta nel nostro Glossario, la prima raccolta di tutti gli acronimi e termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.


CONTATTACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Compilando i seguenti campi sarete contattati o riceverete le informazioni richieste nel più breve tempo possibile

* Campi obbligatori

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679
I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679
Confermo di aver letto l'informativa sulla privacy ed esprimo il consenso per il trattamento dei dati personali per i processi automatizzati e la profilazione diretta a migliorare i servizi resi.


Ti potrebbe interessare...
Perchè iscriversi
ai nostri corsi?

12 buoni motivi per scegliere i Corsi in aula di Vega Formazione

10 buoni motivi per iscriversi ai Corsi online in elearning di Vega Formazione

FAQ: consulenza
post corso gratuita

Il percorso formativo di Vega Formazione non finisce in aula!

Per tutti i nostri corsisti è disponibile un servizio di consulenza online gratuito!

I nostri docenti ti aspettano per rispondere alle tue domande!

Glossario Salute e
Sicurezza Lavoro

Confuso dalla terminologia tecnica?
Ci pensiamo noi!


Scopri il significato di tutti gli acronimi e i suoi termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.

TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO

Il principale riferimento legislativo in Italia

Scarica il documento, scopri la banca dati dedicata e guarda le ultime news sempre aggiornate.