Vuoi diventare Ambassador?     CLICCA QUI
IL BLOG DI VEGA: GUIDA SU AMBIENTE E SICUREZZA

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

Tra i principali rischi a cui sono esposti i lavoratori vi sono sicuramente quelli relativi alla presenza, utilizzo, manipolazione ed immagazzinamento di agenti chimici pericolosi.

Vediamo un approfondimento sulla valutazione del rischio chimico per la sicurezza affrontando i seguenti argomenti:

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Per la valutazione del rischio chimico lo strumento normativo di riferimento è il D. Lgs. 81/08 che riserva il Capo I del Titolo IX, intitolato “Protezione da agenti chimici”.

L’articolo 221, che ne indica il campo di applicazione, consente di trarre una prima definizione di rischio chimico, ovvero: “(…) rischi per la salute e la sicurezza che derivano, o possono derivare, dagli effetti di agenti chimici presenti sul luogo di lavoro o come risultato di ogni attività lavorativa che comporti la presenza di agenti chimici.”

Si tratta dunque di un rischio dovuto alla presenza di agenti chimici, e non necessariamente al loro impiego diretto e deliberato per lo svolgimento dell’attività dell’azienda.

CHE COSA SONO GLI AGENTI CHIMICI PERICOLOSI?

L’attività di valutazione del rischio chimico deve essere condotta con riferimento agli agenti chimici pericolosi così definiti:

  • agenti chimici (sostanze e miscele) che soddisfano i criteri di classificazione come pericolosi in una delle classi di pericolo fisico o di pericolo per la salute di cui al Regolamento CLP (CE) n. 1272/2008;
  • ​agenti chimici che, pur non essendo classificabili come pericolosi, comportano un rischio per la sicurezza e la salute dei lavoratori a causa di loro proprietà chimico-fisiche, chimiche o tossicologiche e del modo in cui sono utilizzati o presenti sul luogo di lavoro, compresi quelli per cui è fissato un valore limite di esposizione professionale.

Inoltre nella valutazione rischio chimico per la sicurezza si devono considerare anche:

  • gli agenti chimici pericolosi che si formano regolarmente durante il processo produttivo come prodotto di reazione o di degradazione;
  • gli agenti chimici che si possono formare per eventi accidentali o comunque in modo non regolare;
  • gli agenti che vengono deliberatamente prodotti in loco e non acquistati.

In ogni caso, nella valutazione del rischio chimico è importante considerare che la pericolosità di una sostanza o miscela può variare in modo sostanziale durante il suo utilizzo, rispetto allo stato originario.

CHI EFFETTUA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO?

Valutazione-del-rischio-chimico

Il Titolo II e l’Allegato IV del D. Lgs. 81/08 forniscono indicazioni per il datore di lavoro, al fine da rendere i luoghi di lavoro idonei alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori che li occupano.

Tra i vari requisiti imposti, nell’art. 222 del D. Lgs. 81/08 il legislatore ne prevede alcuni che sono esplicitamente rivolti alla tutela dei lavoratori durante lo svolgimento di attività che comportano la loro esposizione ad agenti chimici, ovvero le attività: “(…) in cui sono utilizzati agenti chimici, o se ne prevede l’utilizzo, in ogni tipo di procedimento, compresi la produzione, la manipolazione, l’immagazzinamento, il trasporto o l’eliminazione e il trattamento dei rifiuti, o che risultino da tale attività lavorativa” .

Appare quindi chiaro che chi effettua la valutazione del rischio chimico è il datore di lavoro.

COME SI FA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO?

L’articolo 223 del D. Lgs. 81/08 “Valutazione dei rischi”, nel determinare i come il datore di lavoro deve adempiere all’obbligo di effettuare la valutazione del rischio chimico per la sicurezza, stabilisce anche i parametri fondamentali che dovranno essere presi in considerazione.

Per agevolare il processo di valutazione del rischio chimico, sono disponibili molti algoritmi di valutazione, ovvero schemi e procedimenti sistematici di calcolo che consentono di ottenere in modo semplice valori indicativi del livello di rischio posto in essere dall’esposizione ad agenti chimici.

Questi algoritmi si prestano molto bene all’utilizzo all’interno di software di valutazione.

L’utilizzo di un software consente, in generale, di ottenere come output la valutazione del rischio chimico associato alle attività lavorative o anche un documento «completo» di valutazione preconfezionato, partendo da dati di facile reperibilità (schede di sicurezza, banche dati incluse nel software, caratteristiche principali dell’attività svolta, ecc.).

Tuttavia l’utilizzo esclusivo di software e/o algoritmi per effettuare la valutazione del rischio chimico, senza un approfondimento dell’analisi, è in molti casi insufficiente.

Valutazione-rischio-chimico

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

Il processo di valutazione del rischio chimico si deve concludere con la redazione del documento di valutazione del rischio chimico in cui il datore di lavoro ha l’obbligo di indicare tutti i rischi di esposizione ad agenti chimici a cui sono esposti i lavoratori e le misure obbligatorie di prevenzione e protezione messe in atto.

Nel documento di valutazione del rischio chimico devono essere incluse le attività, ivi compresa la manutenzione e la pulizia, per le quali è prevedibile la possibilità di notevole esposizione o che, per altri motivi, possono provocare effetti nocivi per la salute e la sicurezza, anche dopo l’adozione di tutte le misure tecniche

HAI UN DUBBIO SU UN TERMINE
UTILIZZATO IN QUESTO ARTICOLO?

Trova la risposta nel nostro Glossario, la prima raccolta di tutti gli acronimi e termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.


CONTATTACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Compilando i seguenti campi sarete contattati o riceverete le informazioni richieste nel più breve tempo possibile

* Campi obbligatori

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679
I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679
Confermo di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy.


Ti potrebbe interessare...

EVENTI GRATUITI

SICUREZZA LAVORO

Vuoi essere informato sui prossimi EVENTI GRATUITI?

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679
Perchè iscriversi
ai nostri corsi?

12 buoni motivi per scegliere i Corsi in aula di Vega Formazione

10 buoni motivi per iscriversi ai Corsi online in elearning di Vega Formazione

FAQ: consulenza
post corso gratuita

Il percorso formativo di Vega Formazione non finisce in aula!

Per tutti i nostri corsisti è disponibile un servizio di consulenza online gratuito!

I nostri docenti ti aspettano per rispondere alle tue domande!

Glossario Salute e
Sicurezza Lavoro

Confuso dalla terminologia tecnica?
Ci pensiamo noi!


Scopri il significato di tutti gli acronimi e i suoi termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.

TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO

Il principale riferimento legislativo in Italia

Scarica il documento, scopri la banca dati dedicata e guarda le ultime news sempre aggiornate.