Vuoi diventare Ambassador?     CLICCA QUI
IL BLOG DI VEGA: GUIDA SU AMBIENTE E SICUREZZA

Obblighi del Datore di Lavoro: quali sono?

Come sappiamo il datore di lavoro è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore e che ha la responsabilità dell’organizzazione in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa.

Ma quali sono gli obblighi del datore di lavoro? Vediamo un approfondimento affrontando i seguenti argomenti:

OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO NON DELEGABILI: QUALI SONO?

Il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro (TUSL) è molto chiaro nel definire degli obblighi del datore di lavoro non delegabili, ovvero degli obblighi a cui il datore di lavoro deve adempiere in prima persona e non delegabili a nessun’altra figura interna o esterna all’organizzazione aziendale.

L’art. 17 del D. Lgs. 81/08 definisce i due obblighi del datore di lavoro non delegabili:

  • la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)
  • la designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi (RSPP)

OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO DELEGABILI: QUALI SONO?

  • Nell’art. 18 del D. Lgs. 81/08, invece, sono elencati gli obblighi del datore di lavoro delegabili, ovvero gli obblighi che possono essere delegati a terzi e che sono in comune con quelli della figura del dirigente:
  • nominare il medico competente per l’effettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal D.Lgs. 81/08 e qualora richiesto dalla valutazione dei rischi
  • designare gli addetti antincendio e addetti primo soccorso per la gestione delle emergenze
  • individuare il preposto o i preposti per l'effettuazione delle attività di vigilanza e sorveglianza dei lavoratori
  • nell’affidare i compiti ai lavoratori, tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza
  • fornire ai lavoratori i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI)
  • limitare l'accesso alle aree esposte a rischio alto solo ai lavoratori che hanno ricevuto una formazione e un addestramento adeguati
  • vigilare sull'osservanza delle norme di sicurezza da parte dei lavoratori
  • predisporre misure per la gestione delle situazioni di rischio ed emergenza
  • inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiedere al medico competente l’osservanza degli obblighi previsti dalla normativa vigente
  • nei casi di sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti a rischio chimico e ad amianto, comunicare tempestivamente al medico competente la cessazione del rapporto di lavoro
  • adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento dei lavoratori
  • astenersi dall'obbligare i lavoratori a riprendere la propria attività in situazioni in cui persiste il pericolo grave e immediato
  • consegnare il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)
  • confrontarsi con il al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) per l'applicazione di misure di sicurezza volte a tutelare i lavoratori
  • comunicare all'INAIL i dati relativi agli infortuni sul lavoro
  • aggiornare le misure di sicurezza presenti in azienda
  • nei casi di attività in regime di appalto e di subappalto, munire i lavoratori di apposita tessera di riconoscimento
  • convocare la riunione periodica nelle unità produttive con più di 15 lavoratori
  • comunicare annualmente all'INAIL i nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)
  • vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l’obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità

A CHI PUÒ DELEGARE I SUOI OBBLIGHI IL DATORE DI LAVORO?

Il datore di lavoro può delegare a soggetti terzi solo i suoi obblighi delegabili in ambito salute e sicurezza sul lavoro attraverso il ricorso alla delega di funzioni.

Questo consente al datore di lavoro di assegnare compiti e doveri a soggetti terzi che possiedano specifica preparazione tecnica, professionalità e abbiano maggiore disponibilità di tempo per l’adempimento delle funzioni delegate.

Per saperne di più...

Leggi l’approfondimento "MALATTIA PROFESSIONALE: DEFINIZIONE, CAUSE E RICONOSCIMENTO"

Articoli correlati
HAI UN DUBBIO SU UN TERMINE
UTILIZZATO IN QUESTO ARTICOLO?

Trova la risposta nel nostro Glossario, la prima raccolta di tutti gli acronimi e termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.


CONTATTACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Compilando i seguenti campi sarete contattati o riceverete le informazioni richieste nel più breve tempo possibile

* Campi obbligatori

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679
I dati personali saranno trattati come indicato nella nostra informativa sulla privacy, predisposta ai sensi del Regolamento UE 2016/679
Confermo di aver letto l'informativa sulla privacy ed esprimo il consenso per il trattamento dei dati personali per i processi automatizzati e la profilazione diretta a migliorare i servizi resi.


Ti potrebbe interessare...
Perchè iscriversi
ai nostri corsi?

12 buoni motivi per scegliere i Corsi in aula di Vega Formazione

10 buoni motivi per iscriversi ai Corsi online in elearning di Vega Formazione

FAQ: consulenza
post corso gratuita

Il percorso formativo di Vega Formazione non finisce in aula!

Per tutti i nostri corsisti è disponibile un servizio di consulenza online gratuito!

I nostri docenti ti aspettano per rispondere alle tue domande!

Glossario Salute e
Sicurezza Lavoro

Confuso dalla terminologia tecnica?
Ci pensiamo noi!


Scopri il significato di tutti gli acronimi e i suoi termini tecnici utilizzati in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.

TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO

Il principale riferimento legislativo in Italia

Scarica il documento, scopri la banca dati dedicata e guarda le ultime news sempre aggiornate.